mercoledì 17 agosto 2016

RISO FREDDO CON MELONE, ZUCCHINE E SALMONE AFFUMICATO





Questo è un piatto che vi farà fare un figurone con i vostri ospiti. Fresco, colorato, con quel giusto tocco gourmet e di presentazione, che non guasta mai. La ricetta originale, presa su un giornale, era leggermente diversa, ma questa è la mia versione adattata a quello che avevo in frigorifero. In questo piatto, l' effetto grafico è fondamentale, quindi cercate di presentarlo bene e i vostri ospiti ne saranno stupiti, anche chi non avrebbe mai pensato ad accostamenti simili. Io sono sempre del parere che in cucina si debba sperimentare, amo anche i piatti tradizionali, ma ogni tanto è bello scoprire che da abbinamenti insoliti, possono nascere piatti sorprendenti.

RISO FREDDO CON MELONE, ZUCCHINE E SALMONE AFFUMICATO
Ingredienti per 2 persone:
4 pugni di riso aromatico ( io Agricola Passiu )
3 spicchi di melone
1 zucchina media
4 fette di salmone affumicato
1 piccola cipolla di Tropea
sale e pepe q.b.
1 ciuffetto di prezzemolo
olio extravergine di oliva
il succo di mezzo limone
1 cucchiaio di senape
Preparazione: per prima tagliare a jiulienne la buccia della zucchina e conservarla. Tagliare la zucchina a tocchetti e mettere a lessare il riso e la zucchina in acqua bollente salata. Scolare al dente e lasciare raffreddare. Preparare un' emulsione con il succo del limone, 30 ml di olio evo, sale e pepe. Condire con la salsina il riso freddo. Unire anche la cipolla tagliata a cubetti ( tenete da parte solo qualche anello di cipolla ), 2 fette di salmone a pezzetti e 2 spicchi di melone a cubetti. Amalgamare delicatamente. Prendere ora il melone rimasto e tagliare a bastoncini, tagliare a metà gli spicchi di cipolla. Allargare sul tagliere le fette rimanenti di salmone e mettere qualche bastoncino di melone e qualche spicchietto di cipolla, arrotolare delicatamente e fissare con la buccia di zucchine tagliata a julienne. Impiattare ora il riso, servendosi di un coppapasta ed adagiare sul tortino un involtino di salmone. Decorare con un ciuffetto di prezzemolo, un giro di pepe se gradito.




Io ho accompagnato il pranzo con un ottimo Rosato Maremma Toscana DOC de La Chimera D' Albegna.

lunedì 15 agosto 2016

ARROSTICINI DI POLLO CON SPECK, SCAMORZA E RUCOLA





Un secondo piatto semplice e veloce, per non mangiare le solite fettine di pollo. Un piatto gradito anche ai bambini e che può essere farcito con quello che abbiamo in frigorifero. La cottura è pratica in forno, così si risparmia anche sulle calorie. Un piatto perfetto per queste giornate estive.

ARROSTICINI DI POLLO CON SPECK, SCAMORZA E RUCOLA
Ingredienti per 4 persone:
4 fettine di petto di pollo
100 g speck
4 fette non troppo sottili di scamorza bianca ( o se preferite affumicata )
1 bicchiere di vino bianco
olio extravergine di oliva
sale e pepe q.b.
1 mazzetto di rucola
Preparazione: battere delicatamente le fettine di petto di pollo. Mettere sopra una fetta di speck ed una fetta di scamorza. Aggiungere qualche fogliolina di rucola e arrotolare stretto, fissando con degli stecchini o spago da cucina. Sistemare gli arrosticini su una teglia ricoperta con carta forno, irrorarli con un filo di olio evo e spruzzare con il vino bianco. Infornare in forno caldo a 180° per circa mezzora, avendo cura di girare a metà cottura e bagnare gli arrosticini con il loro sughetto. Sfornare, salare leggermente, pepare se gradito e tagliare gli involtini a fette spesse. Impiattare decorando con foglioline di rucola, servire accompagnando con un bel purè.




Io ho utilizzato Cuore di Purè Bio di Ciemme Alimentari, trovato nella Degustabox di luglio. Un preparato per purè 100% patata proveniente da agricoltura biologica. Senza conservanti e senza glutine, delicatissimo.

domenica 14 agosto 2016

FUSILLI CON ASPARAGI DI MARE E PESCE SPADA





Già diverse volte al banco del pesce, mi sono imbattuta negli asparagi di mare. Non sapendo precisamente cosa fossero, pensavo a qualche alga, mi sono documentata. Sono ricche di sali minerali, vitamine del gruppo B e vitamina C, hanno quindi elevate proprietà depurative. Assomigliano agli asparagi selvatici, da cui deriva il loro nome, si possono utilizzare in diverse preparazioni. Solitamente si mangiano bolliti e conditi con olio, sale e pepe, ma si prestano bene nella preparazione di zuppe, salse, piatti a base di pesce. Il gusto non mi ricorda affatto quello degli asparagi, piuttosto quello degli spinaci con una nota amarognola. E passiamo ora alla ricetta ideata da me, dove ho utilizzato la pasta P.R.O.S.I.T. della linea Romeo, nello specifico i Fusilli Prezzemolo, Aglio e Peperoncino, mix di semola di grano duro e spezie.

FUSILLI CON ASPARAGI DI MARE E PESCE SPADA
Ingredienti per 2 persone:
180 g fusilli Romeo-P.R.O.S.I.T. prezzemolo, aglio e peperoncino
300 g asparagi di mare
1 trancio pesce spada
1 vasetto di pomodorino ciliegino semisecco Agromonte
olio extreavergine di oliva Terre dell' Abbazia Ursini
sale q.b.
1 spicchio di aglio
Preparazione: per prima cosa lavare accuratamente gli asparagi di mare, eliminare il gambo più duro e le punte più rovinate. Scolare bene. Tagliare a cubotti il trancio di pesce spada. In una padella antiaderente, dorare lo spicchio di aglio schiacciato in un filo di olio evo. Aggiungere gli asparagi di mare, prima che l' aglio si colori, fare saltare alcuni minuti e aggiungere poi il pesce spada. Salare all' occorrenza, ma ricordatevi che gli asparagi di mare sono già di loro salati, quindi assaggiate sempre. Fare cuocere a fiamma vivace il pesce spada, poi abbassate la fiamma e portate a cottura. Nel frattempo cuocere al dente i fusilli, scolare e aggiungerli al condimento, facendo saltare amalgamando bene. Impiattare e decorare con i pomodorini semisecchi ed un filo di olio a crudo.




Buon appetito. Alla prossima ricetta.

mercoledì 10 agosto 2016

VELLUTATA FREDDA ZUCCHINE E PATATE, CON BURRATA E OLIO AROMATIZZATO





Chi lo ha detto che in estate non si possono mangiare zuppe e vellutate? Sono un vero concentrato di vitamine ed energie, quello che conta è mangiarle rigorosamente fredde. Oggi una vellutata buona, buona, con quello che avevo in casa, ne è uscito un piatto sano, nutriente, profumato grazie all' olio all' arancia di Teatro del Gusto. La vellutata ha un retrogusto piccantino dato dallo zenzero. Se non amate il gusto dello zenzero, potete anche decidere di ometterlo, a me personalmente piace molto.

VELLUTATA FREDDA ZUCCHINE E PATATE, CON BURRATA E OLIO AROMATIZZATO
Ingredienti per 2 persone:
2 zucchine grandi
2 patate
1 pezzetto di zenzero fresco
200 g fiori di zucchina
80 g burrata
sale e pepe q.b.
olio extravergine di oliva
olio all' arancia Teatro del Gusto
Preparazione: bollire in acqua salata le zucchine e le patate tagliate a tocchetti, la radice dello zenzero pelata e tagliata a metà. Nel frattempo, in una padella antiaderente, mettere un filo di olio e rosolare dolcemente le piccole zucchine tagliate a metà e quando sono quasi pronte, i fiori di zucchine. Salare leggermente e conservare da parte.Scolare le verdure, avendo cura di tenere un bicchiere di acqua di cottura e metterle nel bicchiere del frullatore. Se preferite un gusto meno marcato, eliminare lo zenzero, io l' ho mixato insieme alle verdure. Aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura, un pò di olio evo e ridurre il tutto in vellutata.  Quando la vellutata sarà fredda, impiattare e decorare con un paio di cucchiai abbondanti di burrata tritata grossolanamente, un paio di cucchiaini di olio all' arancia ed una macinata di pepe.




Un piatto che farà un figurone anche davanti agli scettici, un piatto sano dal retrogusto piccantino dato dallo zenzero. L' olio all' arancia di Teatro del Gusto nasce da una base di ottimo extravergine abruzzese di alta qualità unito ad un metodo naturale di aromatizzazione: il risultato è un prodotto unico e incomparabile, che con il suo aroma fresco e fruttato arricchisce con intense note agrumate insalate, verdure, carni bianche e piatti a base di pesce. E’ consigliato l’utilizzo a crudo per preservare la freschezza del suo aroma.

venerdì 5 agosto 2016

FRITTATA DI SPAGHETTI CON NDUJA





Idea finger food veloce e caliente? La frittata di spaghetti in versione cool grazie ad Easy 'Nduja ed una presentazione veloce e carina, perfetta da essere mangiata in piedi. Per questa ricetta, potete ovviamente riutilizzare gli spaghetti avanzati del giorno prima, o come me, farli appositamente.

FRITTATA DI SPAGHETTI CON NDUJA
Ingredienti per 4 persone:
200 g spaghetti
3 uova
2 cucchiai di parmigiano reggiano
1 bustina di Easy 'Nduja ( ma io ne ho messe due, in casa amiamo il piccante )
olio extravergine di oliva
sale q.b.
mozzarelline, olive verdi e pomodori secchi per decorare
Preparazione: mettere a cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. Scolare al dente. Mettere in una terrina con un filo di olio e amalgamare bene. Lasciare raffreddare. In seguito aggiungere agli spaghetti Easy 'Nduja e mescolare. Sbattere le uova con il parmigiano e salare. In una padella antiaderente, mettere un filo di olio, versare gli spaghetti e subito le uova, muovendo la padella in modo che ricoprano la pasta. Lasciare cuocere alcuni minuti, affinchè il fondo si rapprenda bene, poi girare e terminare la cottura. Mettere la frittata su carta assorbente a lasciare raffreddare. In seguito, tagliare a quadrotti e decorare ogni pezzetto con olive, mozzarelline o pomodori secchi, decorando con uno stecchino.




Semplice e buono, amo Easy 'Nduja, la vera nduja di Spilinga in bustine monodose, pratiche da portare sempre con sè. Seguite Easy 'Nduja sulla loro pagina facebook.

mercoledì 3 agosto 2016

PASTA FREDDA CON PANCETTA, UOVA SODE E SEMI DI SESAMO





Quanto è buona la pasta fredda. La preferisco alla classica insalata di riso e poi... quante varianti gustose possiamo creare con quello che abbiamo in frigorifero. Oggi, per la mia pasta, ho utilizzato le Penne Zitoni Lisce del Pastificio Di Martino, che produce la famosa pasta di Gragnano, quella buona, buona, per veri intenditori. Per ottenere il massimo risultato dai nostri piatti, la pasta deve essere buona e basta, deve tenere la cottura, non deve incollarsi e rompersi in mille pezzi come capita a volte...

PASTA FREDDA CON PANCETTA, UOVA SODE E SEMI DI SESAMO
Ingredienti per 2 persone:
180 g penne zitoni lisce Pastificio Di Martino
80 g pancetta a cubetti
2 uova
30 g parmigiano reggiano
20 g semi di sesamo
6 pomodorini ciliegini
prezzemolo fresco
sale e pepe q.b.
olio extravergine di oliva
sale e pepe q.b.
Preparazione: per prima cosa rassodare le uova sode, farle raffreddare e sgusciare. In una padella antiaderente mettere a tostare i semi di sesamo, facendo attenzione che è questione di secondi e rischiano di bruciare. Teneteli da parte. Nella stessa padella, mettere a rosolare la pancetta alcuni istanti. Tenere da parte. Tagliare i pomodorini a metà o spicchi, a seconda delle vostre preferenze. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolare al dente e trasferire in una terrina. Irrorare con un giro di olio, aggiungere il parmigiano amalgamando bene. Unire la pancetta ed il prezzemolo tritato. Tagliare le uova a spicchi e aggiungerle al piatto di portata, decorando con i semi di sesamo tostati. Una macinata di pepe ed il piatto è servito.




Al prossimo appuntamento con il Pastificio di Martino.

martedì 2 agosto 2016

REVIEW DEO VERBERINO, RADICI TOSCANE





In estate si ripresenta prepotentemente il problema del sudore. Va detto innanzittutto che la sudorazione è fisologica, ci permette di mantenere il giusto grado di temperatura, disperdendo il calore in eccesso. La sudorazione è inodore, il cattivo odore che spesso avvertiamo, deriva dai batteri che vivono e proliferano sulla pelle. Alcuni di questi microorganismi degradano il sudore ed il sebo che si trovano sulla pelle e rilasciano delle minuscole molecole volatili che stimolano le nostre cellule olfattive e ci fanno avvertire quello sgradevole odore pungente ed acre.

Per una perfetta igiene, bisogna innanzittutto lavarsi con acqua e sapone ( io uso sapone di marsiglia bio, a mio avviso molto più efficace ), bere tanta acqua ed evitare gli indumenti sintetici. Bisogna poi scegliere il giusto deodorante, che non significa per forza che debba essere profumatissimo, anzi, usare un deodorante super profumato per coprire il sudore, significa ottenere l' effetto contrario, quello di sottolineare ancora di più il cattivo odore. Io ho scoperto un deodorante favoloso e completamente naturale, acquistato QUI sull' ecobio shop di Biobalù. Parlo di Deo Verberino di Radici Toscane, un prodotto Made in Tuscany, 100% naturale, a base di bicarbonato e oli essenziali e disponibile in due varianti. E' un deodorante in crema che contiene solo pochi ingredienti selezionati tra amido di riso, burro di karitè, olio di cocco, burro di cacao, olio di mandorle, bicarbonato ed oli essenziali.



Deo Verberino contiene verbena ( antisettica, antinfiammatoria e profumata ), tea tree ( antibatterico, pulisce la pelle, antibiotico, disinfettante e cicatrizzante ) e limone ( pulisce la pelle e profuma tantissimo ). Il profumo è agrumato, dove prevalgono appunto le note fresche del limone. Il deodorante non contiene sali di alluminio, parabeni e alcool. Il suo utilizzo è semplice: lavare le ascelle con acqua e sapone, tamponarle delicatamente e con il dito prelevare una piccola quantità di crema e con movimenti circolari, massaggiare delicatamente
sull' ascella. La crema ha una consistenza granulosa, che però non causa irritazione alla pelle, il prodotto è trasparente e non macchia i vestiti. Il suo profumo è persistente all' inizio, ma tende a svanire in fretta, lasciando solo profumo di pulito.

Il suo inci: Sodium Bicarbonate, Prunus Amygdalus Dulcis Oil, Oryza Sativa Starch, Butyrospermum Parkii Butter, Cocos Nucifera Oil, Hydrogenated Vegetable Oil, Helianthus Annuus Seed Oil, Theobroma Cacao Seed Butter, Aloe Barbadensis Leaf Extract, Citrus Limon Fruit Oil, Verbena Officinalis Leaf Rectified Oil, Melaleuca Alternifolia Leaf Oil, Tocopherol, Citral, Citronellol, Geraniol, Limonene, Linalool




Questo è un deodorante fantastico che mi fa sentire sicura per ore ed ore... Ha superato diverse prove: ho pitturato casa ed ero profumata e fresca come una rosa, ha tenuto una giornata intera a Milano tra metropolitana, passeggiata sotto il sole rovente dei Navigli, mi fa sentire sicura in mezzo alla gente. Io ve lo stra-consiglio. Il prezzo è assolutamente onesto, la quantità di 50 ml ve lo farà anche durare parecchio perchè ne basta davvero poco.Mi piace anche la perla di saggezza sul fondo del barattolo: ricordati di sorridere almeno una volta al giorno.