Pagine

giovedì 23 marzo 2017

PENNE RICCE CON PESTO ROSSO, COZZE E PATATE





Oggi in cucina ho un valido alleato, Novella Conserve, che se da un lato mi permette di accorciare i tempi di preparazione, dall' altro non mi fa rinunciare al gusto. Novella propone prodotti sott' olio e sotto aceto, di elevata qualità e super versatili in cucina. Non solo ideali per antipasti da servire su tartine e crostini di pane, ma anche ottimi per creare stuzzicanti primi piatti. Io ho utilizzato il Pesto Rosso, dal sapore tutto mediterraneo.

PENNE RICCE CON PESTO ROSSO, COZZE E PATATE
Ingredienti per 2 persone:
180 g penne ricce
2 patate medie
400 g cozze fresche
1 mazzetto prezzemolo
2/3 cucchiaini Pesto Rosso Novella Conserve
olio extravergine di oliva
sale q.b.
Preparazione: tenere a bagno le cozze ben raschiate e senza barbetta per circa un' ora in acqua fredda e sale. Sciacquare bene e scolare. Mettere a bollire l' acqua per la pasta. Quando bolle salare e unire le patate tagliate a tocchetti e la pasta. Portare a cottura. Nel frattempo in un tegame mettere un filo di olio con uno spicchio di aglio e fare aprire le cozze a fuoco vivace. Quando saranno aperte, sgusciarle conservandone qualcuna con il guscio per l' impiatto. Scolare la pasta al dente, trasferirla in una terrina e unire il Pesto Rosso, amalgamando delicatamente. Aggiungere le cozze sgusciate, il prezzemolo tritato, un filo di olio. Impiattare e decorare con i gusci di cozze.




Il Pesto Rosso Novella Conserve è semplicemente buono, nessun sapore falsificato, solo tanto gusto per un pesto molto versatile in cucina. Seguite Novella Conserve anche sulla loro pagina facebook.
Io vi auguro buon appetito.
Sabina

mercoledì 22 marzo 2017

CONSOMME' DI VERDURE CON POLPETTE VEGETALI





Questa ricetta è stata presa da un giornale, io ovviamente l' ho rivisitata leggermente in base a quello che avevo in dispensa. Si rivela perfetta per un pranzo od una cena leggere, è la variante vegetariana del classico consommè di carne. I tempi di preparazione sono lunghetti, parliamo infatti di un brodo molto concentrato che richiede una doppia cottura, ma che saprà regalarvi un sapore intenso.

CONSOMME' DI VERDURE CON POLPETTE VEGETALI
Ingredienti per 2 persone:
1 carota
1 costa di sedano + qualche foglia
1 zucchina
1 pomodoro
1 patata
1 spicchio di aglio
timo e gambi prezzemolo
2 cucchiai di grana padano
acqua q.b.
sale e pepe q.b.
1 albume
pangrattato q.b.
Preparazione: pulire e lavare bene tutte le verdure. Tagliare metà delle verdure a tocchetti e metterle in una padella con lo spicchio di aglio, mezzo cucchiaino di pepe in grani, qualche gambo di prezzemolo ed il timo. Coprire le verdure con l' acqua. Portare a ebollizione, salare e lasciare sobbollire per mezzora. Spegnere, lasciare raffreddare il brodo, filtrare il brodo attraverso un colino e tenere da parte le verdure cotte. Nel frattempo tritare grossolanamente le verdure e le erbe rimaste da parte, trasferirle in pentola nel brodo filtrato freddo e lasciare sobbollire un' altra mezzora. Filtrare nuovamente il brodo con un colino, le verdure tritate vanno invece fatte asciugare molto bene su carta assorbente. Tritare le verdure cotte in precedenza e unirle alle altre, trasferire in una ciotola, unire il grana e l' albume, amalgamando bene. Aggiustare il composto con una quantità sufficente di pangrattato, in modo da avere una consistenza adeguata a formare delle pallette tonde e grosse come albicocche. Riportare a bollore il consommè, abbassare il fuoco ed immergere le polpette, cuocendo a fuoco bassissimo giusto cinque minuti.




Il piatto è pronto, piacevolmente delizioso in una giornata simile che di primaverile non ha nulla.
Buon appetito,
Sabina

martedì 21 marzo 2017

ZUPPETTA DI CECI E VONGOLE VERACI





Oggi ho acquistato un sacchetto di vongole veraci freschissime, era da tempo che volevo mangiarle e finalmente mi sono tolta lo sfizio. Ma niente vongole alla marinara o spaghetti, questa volta mi sono buttata in una zuppetta corposa e anche un pò piccante. Il tutto accompagnato dall' ottimo vino bianco frizzante Iseldo Ancestrale Col Fondo, il vino con tappo corona che, prima di essere degustato deve essere capovolto per meglio amalgamarne il sapore.

ZUPPETTA DI CECI E VONGOLE VERACI
Ingredienti per 2 persone:
500 g vongole veraci fresche
200 g ceci precedentemente lessati
400 g passata pomodoro
1 rametto rosmarino
2 spicchi aglio
mezzo peperoncino
olio extravergine di oliva
1 mazzetto prezzemolo
sale q.b.
brodo vegetale q.b.
vino bianco mezzo bicchiere
qualche fetta di pane
Preparazione: per prima cosa mettere le vongole in una ciotola con acqua fredda e sale. Tenerle a spurgare qualche ora, avendo cura di cambiare l' acqua ogni tot. In seguito, sciacquare con cura e scolare bene. In una padella mettere un filo di olio e l' aglio schiacciato, unire le vongole e lasciarle aprire a fiamma vivace, avendo cura di toglierle dalla padella, man, mano che si aprono. Togliere metà delle vongole dai gusci e l' altra metà lasciarle intere. In una padella, possibilmente di coccio, mettere un paio di cucchiai di olio e fare un soffritto con il rosmarino e lo spicchio di aglio tritato, il peperoncino ed unire le vongole sgusciate. Fare insaporire un paio di minuti e sfumare con del vino bianco. Unire quindi i ceci precedentemente lessati e la passata di pomodoro, lasciando cuocere per 5 minuti. Allungare con del brodo caldo e cuocere circa 20 minuti, a fuoco basso. A pochi minuti dalla cottura, prelevare metà ceci e frullare con un mini piper, rimettere in padella, aggiungere le vongole con il guscio e terminare la cottura. Spegnere, cospargere di prezzemolo tritato e servire con un filo di olio, accompagnando a fette di pane abrustolito. Gustare in abbinamento a un bel bicchiere di Iseldo Ancestrale Col Fondo.





Buon appetito, alla prossima ricetta. Sabina

lunedì 20 marzo 2017

CRESCIA SFOGLIATA IL PANARO, CON PUNTARELLE, SPECK E UOVO





" La vera Crescia Sfogliata di Urbino ha un sapore di altri tempi, un sapore di buono e di appena fatto, di uscito come per incanto dai ricordi delle cucine delle nonne, che la rendono regale, antica, indimenticabile "...

E' con queste parole tratte dal sito de Il Panaro, che voglio presentare un prodotto lavorato a mano secondo l' antica tradizione di Urbino e che fa parte del patrimonio storico e gastronomico del territorio. Il Panaro ha deciso di mantenere fede alle tradizioni antiche e nobili della crescia, che veniva prodotta nelle cucine del Palazzo Ducale e che imbandiva i banchetti di corte, producendo dei prodotti che racchiudono il sapore genuino e naturale di quei tempi.

Nessun arteficio nei loro prodotti, solo ingredienti selezionati e di qualità: farina, uova fresche, strutto, sale e pepe, tutto rigorosamente genuino e controllato, lavorate esclusivamente a mano e lasciate riposare una notte intera in frigo. Il Panaro preferisce una produzione minore, ma che rispecchi tutta la bontà di un prodotto artigianale.

La loro crescia ha tutto il sapore delle uova fresche, non contiene conservanti, è soffice e digeribile. Si presta ad un sacco di preparazioni, sia dolci, che salate, nessun limite alla fantasia.

CRESCIA SFOGLIATA CON PUNTARELLE, SPECK E UOVO
Ingredienti per 2 persone:
2 crescia sfogliata Il Panaro
300 g puntarelle
80 g speck a fiammiferi
2 cucchiai di olive liguri senza nocciolo
1 uovo
sale e pepe q.b.
1 spicchio di aglio
olio extravergine di oliva
Preparazione: lavare le puntarelle, scolarle bene e tagliarle a spicchi. In una padella mettere un filo di olio con l' aglio schiacciato e farlo dorare dolcemente, in seguito eliminarlo e unire le puntarelle, cuocendo una decina di minuti. Ad un paio di minuti dalla cottura, aggiungere lo speck. Spegnere e tenere in caldo. In un pentolino mettere l' uovo con acqua fredda su fuoco dolce e al momento del bollore, contare 5 minuti ( per ottenere un tuorlo morbido, se lo preferite ben sodo, contate 8 minuti ) e spegnere. Mettere l' uovo a raffreddare sotto acqua corrente fredda, togliere il guscio e tagliarlo a metà. In una padella antiaderente, scaldare la crescia senza aggiunta di olio, due minuti per parte, rigirandola un paio di volte. A doratura, togliere dal fuoco e farcire. Nel mio caso ho messo un letto di puntarelle e speck, un cucchiaio di olive per crescia e al centro il mezzo uovo sodo. Una spolverata di pepe ed il piatto è pronto.




Accompagnare ad una bella birretta fresca e vi assicuro che la vostra crescia avrà un grosso successo. Mi è piaciuta un sacco, molto di più della classica piadina e vi dico che io amo le piadine e quindi potete capire da voi quanto sia buona.
Il Panaro consegna i suoi prodotti in tutta Italia, se volete provare la mitica Crescia Sfogliata, mandate un' email a: m.moretti@ilpanaro.it
Alla prossima, Sabina

domenica 19 marzo 2017

BUONGUSTAI DI CALABRIA, PRODOTTI TIPICI CALABRESI





Da appassionata food lover, sono sempre alla ricerca di prodotti particolari con cui realizzare le mie ricette. In cucina mi piace molto spaziare nella scelta degli ingredienti, negli anni e con il mio percorso da food blogger sono diventata molto più esigente nella scelta dei prodotti, prediligendo sempre il nostro Made in Italy e la qualità.

Oggi vi parlo quindi della mia esperienza con Buongustai di Calabria, un ricco contenitore di produzioni enogastronomiche calabresi, artigianali e biologiche. Amo i sapori decisi del cibo calabrese, mio padre è nato in Calabria, anche se si è trasferito al nord da ragazzo per lavoro. Ricordo con piacere le mie vacanze in Calabria, quando nonna era in vita e ci faceva assaggiare quella cucina ricca di sapori e di prodotti eccellenti, che poi portavamo in abbondanza a casa, per poter usufruire durante l' anno di quei sapori genuini.

Ora nonna non c' è più da tanti anni, ed è sempre difficile trovare nei supermercati della zona prodotti calabresi di buona qualità, quindi è stato bello scoprire Buongustai di Calabria e il loro shop che vuole fare conoscere questa terra ricca di storia e cultura, dove si prediligono i sapori forti e aspri e dove il clima favorevole ed il territorio ricco e rigoglioso non necessita di artefici esterni ed i prodotti sono naturali e semplicemente buoni.

Acquistare su Buongustai di Calabria è semplice e piacevole, i prodotti sono tantissimi e suddivisi per categoria, non solo troverete salumi e formaggi tipici, olio extravergine di oliva, vini biologici, miele, confetture e marmellate, pasta artigianale, liquori e distillati, ma tanti altri prodotti tutti da scoprire e per ogni prodotto viene consigliato anche l' abbinamento culinario.

Nel loro e-commerce troverete anche un' utilissima guida all' acquisto, ma ordinare è davvero semplice ed intuitivo. I prodotti vengono spediti nell' arco di 48 ore tramite corriere, sono perfettamente imballati ed il pagamento è sicuro tramite carta di credito o per chi non possiede un conto bancario, tramite contrassegno con un supplemento di 3€.

Passiamo ora a scoprire il contenuto del mio pacchetto.




ZAFA', OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA AL PEPERONCINO CALABRESE 10 CL, un olio extravergine di oliva italiano, ottenuto da selezionate olive raccolte a mano dalla pianta e sapientemente miscelate al peperoncino calabrese. Un olio perfetto e dal gusto intenso e stuzzicante, dal color rosso ocra, dal profumo inebriante di peperoncini e dal sapore intenso, perfetto per condire i propri piatti, il pesce e la carne, le insalate, ma largo spazio alla propria fantasia in cucina.




CONFETTURA DI PEPERONCINO DI CALABRIA, viene prodotta artigianalmente con peperoncini di Calabria, zucchero e succo di limone. Non contiene conservanti, nè coloranti. Il peperoncino ha proprietà antiossidanti e stimola la digestione, è ricco di vitamina E e utile come antinfiammatorio e decongestionante in caso di laringiti, tosse e raucedine. L' utilizzo in cucina della confettura di peperoncino è molto versatile, si può utilizzare semplicemente in accompagnamento a carni lesse e arrosti, a formaggi, oppure per abbinamenti insoliti ma veramente gustosi come sulla pizza, sulle crostate salate e anche, perchè no?, con il cioccolato.




CONFETTURA DI CIPOLLA DI TROPEA E UVA PASSA, una confettura dal gusto mielato, delicato e agrodolce tipico della cipolla di Tropea, che io adoro, tra i cui ingredienti troviamo anche
l' uva passa. E' una composta artigianale di cipolle rosse e uva passa, non contiene conservanti e coloranti. La cipolla di Tropea è famosa per il suo sapore dolce e non amaro, viene coltivata in terra calabra da oltre duemila anni. Deliziosa per esaltare taglieri di formaggi freschi, stagionati o affumicati, per accompagnare grigliate miste o carne bollita.

Prossimamente vi presenterò una mia ricetta dove ho utilizzato la confettura di peperoncini.
Sponsor by http://www.buongustaidicalabria.it/24-olio-evo
Sabina.

sabato 18 marzo 2017

CROCCHETTE DI SEDANO RAPA CON SPECK





Ammetto che non avevo mai assaggiato il sedano rapa. Sinceramente temevo che avesse un gusto piuttosto invadente, nel momento che sono andata a pulirlo, invece con mia grande sorpresa ne è uscito un piatto dal sapore davvero delicato. Queste crocchette sono nate così per caso, ultimamente sono in fase "polpettosa", mi piace trovare nuovi abbinamenti e dare vita a tante polpette che in casa sono sempre gradite. Andiamo ora a vedere la semplice ricetta.

CROCCHETTE DI SEDANO RAPA CON SPECK
Ingredienti:
1 sedano rapa non troppo grosso ( io Bioexpress )
4 cucchiai grana padano
40 g speck a striscioline
40 g scamorza a cubetti
1 ciuffetto di prezzemolo
1 cucchiaino di curcuma
sale e pepe q.b.
olio di arachidi per friggere
80 g farina di mais
Preparazione: pulire il sedano rapa, sbucciarlo e lavarlo. Tagliarlo a tocchetti e metterlo a lessare in acqua bollente salata, fino a quando sarà tenero. Scolarlo e trasferirlo in una ciotola, schiacciandolo con una forchetta e lasciando raffreddare bene. Quando sarà freddo, assicurarsi che sia ben asciutto, altrimenti assorbite il liquido in eccesso con della carta assorbente. Unire ora il grana, il prezzemolo tritato fine, la curcuma, il sale ed il pepe, qualche cucchiaio di farina di mais. Ora andiamo a formare le crocchette: prelevare una bella cucchiaiata di composto, mettere al centro lo speck e la scamorza e chiudere bene, passando la crocchetta nella farina di mais. Tenere le crocchette in frigo per un' oretta, chiuse da un foglio di pellicola. Scaldare in una padella abbondante olio, non deve essere troppo bollente per non rischiare di bruciare subito le crocchette esternamente. Mettere a friggere le crocchette poche per volta e quando saranno belle dorate, lasciarle sgocciolare su carta assorbente. Servire tiepide.




Deliziosamente deliziose, assolutamente da provare. Alla prossima ricetta.
Sabina

venerdì 17 marzo 2017

TRAMEZZINO DI PATATE CON SPECK E SCAMORZA





Qual' è quell' ingrediente che non manca mai in ogni casa che si rispetti? Sì, proprio loro, le patate. Le patate sono buone cucinate in tutte le maniere: fritte, al forno, lesse, come purè e anche alla griglia. Ma se volete preparare un antipastino sfizioso ecco la mia proposta semplice e veloce.

PATATE FARCITE CON SPECK E SCAMORZA
Ingredienti per circa 12 porzioni:
4 patate medie
100 g speck
200 g scamorza affumicata
sale q.b.
1 rametto di rosmarino
olio extravergine di oliva
qualche grano di pepe
Preparazione: pelare le patate, lavarle bene, asciugarle e tagliarle a fette non troppo sottili. Scaldare il forno a 180° e su una teglia rivestita con carta forno, mettere le fette di patate, spennellarle con olio e cospargere con rosmarino tritato e sale. Cuocere per circa 15 minuti, in base al vostro forno. Nel frattempo tagliare la scamorza a fettine. Quando le patate sono pronte, mettere su una fetta la scamorza e qualche pezzetto di speck, chiudere con un' altra fetta di patata. Andare a comporre gli altri paninetti di patata e rimettere in forno per altri 10 minuti, o almeno fino a quando il formaggio sarà bello filante. Sfornare, decorare con qualche grano di pepe e servire.




Non sono bellissime da vedere? Vi assicuro anche tanto buone. Poi, ovviamente, potete variare il ripieno in base ai vostri gusti: prosciutto e mozzarella, speck e brie, asiago o qualsiasi altro formaggio filante.Buon appetito.
Sabina