sabato 22 luglio 2017

REVIEW SAPONI LA FLORENTINA, COLLEZIONE BELLOSGUARDO





Che io abbia una passione per le saponette, è oramai risaputo tra i miei lettori. Quando vado nei negozi, nei centri commerciali, non posso fare a meno di comprare nuove saponette, che custodisco gelosamente in un cassettino del bagno e che utilizzo spesso al posto del classico sapone liquido.

Quando ho ricevuto il pacchetto de La Florentina, ancora prima di aprirlo sono stata avvolta da un profumo paradisiaco e avvolgente. Un profumo mai avvertito ad ora, in una saponetta. Aprendo il pacco poi, non ho potuto non esclamare un wow! di fronte a quelle saponette ricercate e raffinate.

Ecco, se devo classificare con una parola i saponi La Florentina, userei proprio questa parola: raffinati, adatti a chi non si accontenta, a chi ricerca eccellenza con un occhio però attento anche alla presentazione, al packaging.

La Florentina, azienda Made in Tuscany, produce dal 1894 saponi che seguono le tradizioni dei piu' antichi maestri saponieri e che il suo fondatore Alighiero Campostrini ha saputo trasformare in vere e proprie opere d' arte, rendendo Firenze nel XVIII secolo leader della produzione dei saponi. Ancora oggi, i prodotti La Florentina sono sinonimo di qualità, ricercatezza e cura del dettaglio.




Le materie prime utilizzate sono selezionatissime: ingredienti naturali tra cui olio di oliva e burro di karitè, forme degli stampi in bronzo che si tramandano dagli inizi del 1900, lavorazione scrupolosamente artigianale per dare vita a saponi da bagno lussuosi, arricchiti da additivi naturali che sprigionano una soffice schiuma, garantendo una detersione delicata e idratante.

Ho ricevuto due referenze della collezione Bellosguardo, una formulazione vegetale per dei saponi dalla cremosità voluttuosa, che raccontano i segreti della cultura del territorio toscano e delle sue straordinarie fragranze. La fragranza Porticciolo Marine è disponibile in tre pezzature: da 300 g con il box regalo, da 200 g la saponetta incartata con olio di jojoba biologico ed il set di tre saponi da 150 g in scatola regalo.





Non posso non essere conquistata dai saponi La Florentina, portano in sè la cultura del territorio toscano, i profumi di una terra bellissima che io amo molto e scelgo sempre per le mie vacanze estive. I loro saponi, in quanto artigianali, hanno una quantità limitata, vi consiglio di fare un giro tra le collezioni proposte, non ve ne pentirete. Per visionare i prodotti della collezione Bellosguardo, cliccate QUA.
Sabina.

giovedì 20 luglio 2017

TRAMEZZINI DI FRITTATA DI RISO FARCITI





Oggi un piatto semplice che si può preparare in anticipo e gustare tranquillamente freddo al lavoro o perfetto anche per un pranzo all' aria aperta. Il procedimento è più o meno lo stesso del fare una frittata di pasta avanzata, con la differenza che andremo ad aggiungere due cucchiai di senape al peperoncino, per dare una marcia in più.

TRAMEZZINI DI FRITTATA DI RISO FARCITI
Ingredienti per 2/3 porzioni:
150 g riso integrale Idea Riso
2 uova
30 g parmigiano reggiano
3 cucchiai di senape al peperoncino Delizia Delicatessen
sale e pepe q.b.
60 g speck
4 sottilette
rucola q.b.
olio d' oliva
Preparazione: per prima cosa lessare il riso integrale, seguendo le indicazioni di cottura. Scolare e raffreddare sotto l' acqua fredda. In una ciotola sbattere le uova e unire due cucchiai di senape, il parmigiano, il pepe e il sale. Unire quindi il riso e amalgamare bene. In una padella antiaderente, scaldare un cucchiaio di olio e versare il composto di riso ed uova. Coprire con il coperchio e fare ben rapprendere la frittata sul fondo, ci vorranno circa 10 minuti, in seguito aiutandovi con un coperchio od un piatto, capovolgere la frittata e terminare la cottura. Deve uscire una bella frittata dorata. Lasciare raffreddare bene. Tagliare ora la frittata a fette, le fette devono essere in numero pari, io ne ho fatte quattro grosse e su metà fette spalmare un velo di senape, un letto di rucola, la sottiletta e lo speck. Chiudere con un' altra fetta e il piatto è pronto.




Buon appetito, alla prossima ricetta. Sabina.

LINEA ORAL CARE, OFFICINA NATURAE, LA MIA ESPERIENZA.





La bellezza, passa anche e soprattutto dal nostro sorriso. Il sorriso è infatti il nostro migliore biglietto da visita, è importante quindi curare la nostra igiene dentale non solo con controlli periodici dal dentista, ma anche utilizzando prodotti mirati e possibilmente naturali.

In collaborazione con Officina Naturae ho l' occasione di parlarvi della loro nuovo linea Oral Care, prodotti naturali certificati ICEA, che garantiscono una perfetta igiene dentale. Ricordiamoci infatti che la maggior parte dei prodotti commerciali che troviamo nella grande distribuzione, sono spesso aggressivi nelle loro formulazioni, ma anche nel loro sapore. Quante volte lavandoci i denti siamo state investite da un sapore di menta eccessivamente forte? Per non parlare dei colluttori che, a volte, persino bruciano in bocca o fanno tossire.

Con Officina Naturae ho trovato il giusto equilibrio con prodotti che soddisfano la mia idea di pulizia e freschezza. La linea Oral Care comprende tre dentifrici, due colluttori, due dentifrici specifici per bambini e una serie di spazzolini ecologici e colorati.

Io nello specifico ho ricevuto e messo alla prova: gel dentifricio al gusto menta, colluttorio al gusto menta bianca e spazzolino ecologico color fucsia.
Il gel dentifricio contiene Lichene Islandico e Zinco Citrato, che insieme all' Eritrolo, un vero e proprio zucchero naturale, garantiscono una protezione dalla carie e vanno a contrastare la formazione di placca e tartaro. Inoltre contengono preziosi estratti biologici come: tarassaco, che ha azione antinfiammatoria, timo per una perfetta azione balsamica, salvia con azione antisettica e balsamica e rosmarino, balsamico e astringente.




Il dentifricio gel ha una consistenza fluida e gelatinosa, in bocca non sprigiona "schiuma" come i dentifrici commerciali, ma lava bene e lascia la bocca piacevolmente profumata. La formula è delicata e non abrasiva, non intacca quindi lo smalto dei denti e non irrita le mucose e le gengive. Io soffro molto, ahimè, di infiammazioni gengivali e questo dentifricio ricco di erbe mi ha regalato sollievo quasi immediato.

Lo spazzolino da denti ha una buona resa, il manico è ricavato dalla polpa del legno, di conseguenza non avendo il manico in bambù o legno, è più igienico perchè non può essere contaminato da muffe o batteri. Le setole sono morbide e non irritano le gengive. Inoltre il color fucsia e la sua trasparenza lo rendono particolarmente fashion, impossibile non amarlo ( piccola nota frivola, concedetemela ).

Il colluttorio mi è piaciuto tanto, è composto da ingredienti biologici e di origine vegetale. Aiuta a prevenire la placca, andando a pulire i denti anche nei punti più inaccessibili e la presenza degli oli essenziali biologici, garantisce un' azione balsamica e astringente, inoltre contiene Stevia Rebaudiana che dolcifica senza causare problemi di carie. Non contiene coloranti, clorexidina e triclosan. Un colluttorio che mi ha sorpresa molto, in quanto svolge un' efficace pulizia della bocca, pur essendo delicato e non andando a scatenare la mia sensibilità dentale.




In conclusione, basandomi sulla mia esperienza quotidiana e parlando da persona che ha sempre sofferto di sensibilità dentale ed infiammazioni periodiche alle gengive, mi sento di promuovere e consigliare questa nuova linea Oral Care firmata Officina Naturae. Sono prodotti delicati che non vanno a scatenare la mia sensibilità, ma che anzi, con la sinergia di erbe ed estratti, donano sollievo e un senso di freschezza prolungato.
Sabina.

mercoledì 19 luglio 2017

RISOTTO ALLO ZAFFERANO, CON MIRTO FRESCO E CUBETTI DI SALSICCIA





Oggi metto alla prova il riso fino Gloria di Riso in Fiore, riso vercellese a residuo zero. Dal sapore antico, lavorato con la semplicità di una volta e coltivato con tecniche di agricoltura sostenibile, viene raffinato con un solo passaggio di sbiancatura, in modo da mantenere inalterato il vero sapore del riso e conservandone la ricchezza di fibre e proteine.
Riso in Fiore propone quindi un riso dal sapore autentico e genuino, che si presta a tante ricette diverse, anche a quelle più gourmet. Ho notato infatti un' ottima tenuta alla cottura, i chicchi rimangono poco collosi e ben distaccati tra loro, garantendo un ottimo impatto visivo.

RISOTTO ALLO ZAFFERANO, CON MIRTO FRESCO E CUBETTI DI SALSICCIA
Ingredienti per 2 persone:
160 g riso fino Gloria Riso in Fiore
60 g cubetti di salsiccia
1 spicchio di aglio
mezza cipolla
qualche rametto di mirto Aromi & Profumi s.r.l.
1 bustina di zafferano
brodo vegetale q.b.
mezzo bicchiere di vino bianco
1 noce di burro
sale e pepe q.b.
parmigiano reggiano a piacere
olio extravergine di oliva
Preparazione: per prima cosa rosolare qualche minuto i cubetti di salsiccia. Spegnere e tenere da parte. Sciogliere la bustina di zafferano in un dito di acqua tiepida. Tenere in caldo il brodo. In una padella mettere un filo di olio e rosolare dolcemente la cipolla tritata. Unire quindi il mirto e l' aglio tritati, amalgamare e sfumare con il vino. Lasciare evaporare e unire il riso, fare tostare un paio di minuti e allungare con un mestolo di brodo, portando a cottura e allungando con altro brodo, man mano il precedente viene assorbito. A pochi minuti dalla cottura, unire lo zafferano e i cubetti di salsiccia, amalgamando bene. A cottura ultimata spegnere, mantecare con parmigiano a piacere e una noce di burro. Regolare di sale e pepe.
 



Buon appetito, Sabina.

lunedì 17 luglio 2017

BRUSCHETTE AL SESAMO CON CREMA DI MOZZARELLA, POMODORINI E MICRO ORTAGGI





Alzi la mano chi non ama le bruschette! Sono l' idea salva-cena perfetta, quando davvero non si ha voglia di spendere troppo tempo ai fornelli, ma si vuole comunque mangiare qualche cosa di sfizioso. E in queste giornate di grande caldo, passare poco tempo ai fornelli, è la mia priorità numero uno.

BRUSCHETTE AL SESAMO CON CREMA DI MOZZARELLA, POMODORINI E MICRO ORTAGGI
Ingredienti per 8 bruschette:
8 fette di pane rustico al sesamo
150 g mozzarella Fior di Latte
50 ml panna da cucina
sale e pepe bianco q.b.
olio extravergine di oliva
10 pomodorini
origano fresco
qualche fogliolina di basilico
8 filettini di alici
Micro Ortaggi Daikon Rosa Pianta Natura
Preparazione: per prima cosa tostare il pane su una piastra calda. Mettere nel mixer la mozzarella a pezzetti con la panna e frullare, ne uscirà  una specie di mousse cremosa. Salare e pepare. Tagliare i pomodorini in quattro spicchi, metterli in una ciotola con olio, origano, sale e pepe e lasciare insaporire bene. Tagliare e pulire i micro ortaggi. Andare ora a comporre le bruschette: spennellare con un filo di olio la base del pane, unire un cucchiaio di mousse di mozzarella, i pomodorini, il filetto di alice, un piccolo ciuffetto di micro ortaggi e completari con foglioline di basilico.




La bruschetta è servita. Alla prossima ricetta. Sabina.

SKIN & CO ROMA, SET TRUFFLE THERAPY OIL





Le vacanze si avvicinano e per alleggerire il mio beauty case, mi affido al Set Truffle Therapy Oil di Skin & Co Roma, brand orgogliosamente creato in Italia e distribuito in tutto il mondo.

Questa linea di prodotti sfrutta le preziose proprietà antiossidanti del tartufo nero, per combattere i segni del tempo. Per le mie esigenze di pelle, ho bisogno infatti di prodotti specifici che aiutino a combattere le prime rughe e le inevitabili imperfezioni, causate dall' inesorabile scorrere del tempo.

Il tartufo nero contiene il prezioso enzima Sod, la cui estrazione consente di ottenere prodotti altamente performanti e di qualità. Per ogni prodotto realizzato occorrono 12 tartufi raccolti esclusivamente nei mesi invernali, nei boschi dell’Umbria e della Toscana. Questi vengono selezionati fra quelli più morbidi e succosi poiché, nell’attimo che precede la maturazione, il Tartufo nero raggiunge l’apice delle sue proprietà antiossidanti, schiarenti e antimacchia.

Per tale motivo, i prodotti a marchio Skin & Co sono preziosissimi e ricchi di proprietà. Sono realizzati esclusivamente con ingredienti di origine vegetale ( estratto di tartufo nero, olio di argan, acido ialuronico, burro di karitè e pantenolo ) e non contengono sostanze nocive ( parabeni, oli minerali, sls, ftalati, solfati e paraffina ).

Il kit scelto per le mie esigenze di pelle, è contenuto in una pochette fiorata e bellissima che solo quella vale l' acquisto... al suo interno troviamo in formato travel size i seguenti prodotti: 

1 Olio Viso Ultra Puro Truffle Therapy 30 ml
1 Concentrato Occhi Truffle Therapy 7 ml
1 Crema Truffle Therapy 10 ml 
1 Toner Idratante Viso Truffle Therapy 50 ml

Io ho trovato anche un 1 Serum Viso Truffle Therapy 5 ml, gradito omaggio. Ho apprezzato la linea semplice, pulita ed elegante delle confezioni. Il formato travel size è perfetto per non caricarmi in viaggio di prodotti e flaconi full size e allo stesso tempo mi garantiscono un' idratazione ottimale e adatta alle mie esigenze di pelle segnata da qualche rughetta. Dopo una prolungata esposizione ai raggi solari, inoltre, la nostra pelle ha bisogno di tanta idratazione e coccole extra e con il set Truffle Therapy Oil ho quello che mi serve.




Truffle Therapy Cream si utilizza mattino e sera dopo la normale pulizia del viso e dopo aver applicato il siero viso della stessa linea. La crema non va messa nel contorno occhi, che andrà invece nutrito con lo specifico Eye Concentrate, che aiuta a ridurre i segni del tempo, le linee sottili e rende la pelle liscia e luminosa.




Il Cleasing Oil contiene un mix di ingredienti attivi e oli essenziali, che garantiscono una detersione profonda ma che, nonostante la base oleosa non va ad ostruire i pori ed è perfetto per struccare il viso. Garantisce idratazione extra e delicatezza. Il Face Toner è formulato, tra gli altri, con estratti di tartufo, calendula, rosa e rosmarino che purificano la nostra pelle. Il toner ha potere antisettico, rimuove le cellule morte ed è un alleato prezioso per la nostra pelle.

Di Skin & Co e della mia esperienza dopo l' utilizzo, vi aggiornerò prossimamente su instagram. L'azienda oltre a Truffle Therapy, offre anche le seguenti collezioni di prodotti: Umbrian Truffle, Sicilian Light, Citrus Amaro, Rosmarino & Verbena e Fresh Lavander. Le spedizioni sono gratuite sopra i 29€ e in ogni ordine troverete in regalo tre campioncini.
Sabina.

domenica 16 luglio 2017

RISOTTO CREMOSO MIRTILLI E ROBIOLA





Mi spiace per le persone scettiche ed abitudinarie, perchè non proveranno mai un simile abbinamento, ma non sapranno mai quanto sia buona la frutta nel risotto. Certo non tutta la frutta si presenta adatta, ma ad oggi posso dire di aver sperimentato diversi accostamenti fortunati: al melone, al melograno, alle pere, alle fragole, persino al kiwi, quindi con piacere ho voluto provare anche questo risotto ai mirtilli che già solo dal colore porta allegria a tavola. La ricetta è davvero elementare, a prova di cuoca inesperta.

RISOTTO CREMOSO MIRTILLI E ROBIOLA
Ingredienti per 2 persone:
160 g Riso fino Gloria Riso in Fiore
100 g mirtilli
50 g robiola
brodo vegetale q.b.
1 cucchiaio erba cipollina secca
olio extravergine di oliva
sale q.b.
Preparazione: frullare metà dei mirtilli con un goccio di acqua. Tenere da parte. In una padella scaldare un paio di cucchiai di olio con l' erba cipollina, senza farla bruciare. Unire il riso e farlo tostare un paio di minuti, aggiungere il brodo e portare a cottura, allungando con altro brodo, man, mano il precedente viene assorbito. A pochi istanti dalla cottura, aggiungere il frullato di mirtilli e i mirtilli rimasti ( tranne 2/3 per la decorazione del piatto ), amalgamando bene. Aggiustare di sale, se occorre. Spegnere e mantecare con la robiola tagliata a cubetti, facendo sciogliere bene. Impiattare e decorare con i mirtilli.




Ho abbinato al risotto un ottimo Aglianico del Vulture D.O.C. Rosso, Il Repertorio, firmato Cantine del Notaio. Un vino color rosso rubino con rilfessi granato, luminoso e impenetrabile. Ricco, pieno, ben equilibrato, con evidenti note di ciliegia, un finale di marasca leggermente speziato e con una tannicità gradevole che è tipica del vitigno e della lavorazione tradizionale.
Buon appetito, Sabina.

giovedì 13 luglio 2017

MASCHERA VISO GO-GETTER GODDESS SHRAY SKINCARE, LA MIA ESPERIENZA





Direttamente da New York è arrivato un pacchettino firmato Shray Skincare, brand americano che produce maschere uniche nel suo genere.
La nostra pelle dovrebbe contenere almeno un 50/60% di acqua, la giusta idratazione che le garantiamo assumendo uno stile di vita sano, con l' assunzione di due litri di acqua al giorno e una dieta ricca di frutta e verdura. Purtroppo però, spesso conduciamo uno stile di vita frenetico che non ci consente di mantenere i buoni propositi e questo si riflette subito sulla nostra pelle, rendendola spenta e secca. Avete presente quella sensazione di pelle che tira? Quel segnale sta ad indicare che la nostra pelle ha sete e richiede idratazione.

Le maschere viso Shray Skincare garantiscono livelli extra di idratazione, a un primo sguardo potrebbero sembrare normali maschere in tessuto, ma in realtà si tratta di una maschera in pasta di legno, per un approccio ancora più naturale. Sono maschere progettate con una formula ricca ed unica che idrata e disseta profondamente la nostra pelle.

Le maschere disponibili sono diverse e adatte a differenti tipologie di pelle, io ho scelto Go-Getter Goddess, una maschera dedicata alla Dea Afrodite, la dea dell' amore. Il packaging è innovativo e accattivante ai massimi livelli, la maschera è contenuta all' interno di un pacchettino in cartoncino color viola ( ogni tipologia di maschera, ha un colore differente ) che si schiude come un fiore.

La maschera Go-Getter Goddess, ha funzione anti-aging, è ricca di vitamina C e antiossidanti, l' olio di rosa idrata la pelle e contrasta l' invecchiamento cutaneo, l' estratto di acerola alleggerisce le macchie della pelle causate dal sole e l' estratto di liquirizia svolge azione anti-infiammatoria.

L' utilizzo è semplice e richiede accortezza, dal momento che la maschera, a differenza di quelle classiche in tessuto, è molto delicata e rischiate di romperla facilmente. Bisogna posizionarla delicatamente sul viso, togliere la pellicola e attendere almeno 15 minuti. La maschera sta attaccata al viso senza problemi, non dovete necessariamente stare sdraiate, anche se un pò di relax non guasterebbe, è molto impregnata di prodotto, cosicchè quando andrete a toglierla, potete massaggiare il prodotto in eccesso su viso e collo e andare poi a rimuovere con un dischetto di cotone il prodotto extra. Inizialmente sentirete una bella sensazione di freschezza, in seguito un leggero calore che sta ad indicare che la maschera ha svolto il suo lavoro.

La pelle risulta pulita e idratata, il profumo di rosa è delicato e non invasivo, cosa che reputo importantissima in ogni prodotto per il viso.Una maschera che ho amato tantissimo, per cui mi auguro che Shray Skincare arrivi presto anche sul mercato italiano.
Sabina.

SPAGHETTI AL PESTO DI SALVIA.





Voglia di un piatto di pasta semplice e veloce? E allora andiamo a realizzare un fresco pesto homemade, questa volta con le bellissime foglie di salvia di Aromi e Profumi s.r.l.
Un pesto profumato, gustoso, che renderà il vostro piatto di pasta irresistibile. Il segreto per realizzare un buon pesto casalingo, è utilizzare un buon olio extravergine di oliva. Io mi affido a Re Manfredi D.O.P. Dauno di Olearia Clemente, dal profumo intenso e fruttato. Per gli spaghetti mi sono affidata a Pasta Pezzullo, trovati nell' ultima Degustabox.

SPAGHETTI AL PESTO DI SALVIA
Ingredienti per 2 persone:
20 foglie di salvia Aromi e Profumi s.r.l.
50 g mix di parmigiano e pecorino
sale e pepe q.b.
1 punta di peperoncino se gradita
40 g mandorle spellate
4 cucchiai di olio extravergine di oliva Re Manfredi Olearia Clemente
16 g spaghetti Pasta Pezzullo
Preparazione: per prima cosa andiamo a preparare il pesto. In un mixer mettere le foglie di salvia lavate e asciugate, aggiungere tre quarti delle mandorle, il mix di formaggi, la punta di peperoncino, e l' olio. Azionare le lame a piccoli scatti per non surriscaldarle. Deve uscire un pesto cremoso, salare e pepare a piacere. Mettere a cuocere gli spaghetti in abbondante acqua bollente salata, scolarli al dente conservando un paio di cucchiai dell' acqua di cottura. Mettere gli spaghetti in una ciotola e unire il pesto di salvia, amalgamando bene e allungando se occorre con l' acqua di cottura. Impiattare decorando con le mandorle tenute da parte e tritate grossolanamente.
Buon appetito, Sabina.

mercoledì 12 luglio 2017

ANTICO SAPONIFICIO SALENTINO, LA MIA ESPERIENZA.





Dopo averli usati per un tempo sufficientemente lungo da farmi un' opinione, voglio parlarvi dei prodotti per l' igiene personale, firmati Antico Saponificio Salentino.

L' Antico Saponificio Salentino, propone quattro referenze per l' igiene personale, quelle che vedete in foto e prodotti per l' igiene della casa e dei nostri indumenti. Sono prodotti rispettosi del nostro ambiente e della nostra pelle, 100% ecocompatibili, realizzati solo con olio di oliva e semi formulati con oli essenziali profumati e arricchiti di pigmenti naturali colorati.

Antiche ricette di una volta, formulazioni delicate e che fanno poca schiuma, detergendo però in maniera impeccabile la nostra pelle. Dal sito leggiamo "I prodotti sono realizzati con tensioattivi completamente naturali, derivanti dall’olio d’oliva e da altri oli vegetali. Vengono ottenuti inoltre con antichi e sapienti metodi da sempre utilizzati, come l’utilizzo di ceneri da cui si estraggono le sostanze che andranno a saponificare gli oli stessi. I procedimenti sono molto semplici e rispettano le materie prime naturali utilizzate. Il contatto con la pelle non provoca intolleranze nel corso del loro utilizzo, nè a breve nè a lungo termine. Inoltre l’abbondante presenza di glicerina nei saponi per l’igiene della persona,  aiutano a mantenere la pelle idratata , morbida , setosa ed aiutano l’equilibrio del suo manto idro-lipidico. "

Quando ho aperto il pacchetto sono rimasta piacevolmente colpita dal packaging semplice e che richiama le confezioni di una volta, un chiaro richiamo alla naturalità dei prodotti. I detergenti sono contenuti in pratiche confezioni con dispenser e le referenze per l' igiene della persona sono:

Bagnoschiuma Pino ed Eucalipto, Sapone Liquido Viso e Corpo, Sapone Liquido Ristruttura e Mousse da Bagno. Tutti i prodotti sono composti da una Miscela di tensioattivi anionici Naturali , derivanti da olio d’oliva e oli vegetali in genere (10-19%), glicerina vegetale (entro il 6 %), fragranze (entro l’1%) e pigmenti alimentari.

Essendo prodotti naturali, offrono una detersione differente ma molto più efficace. Innanzittutto vanno usati passandoli sulla pelle umida e non bagnata, ed in seguito risciacquati, scordatevi
l' abbondanza di schiuma data dai detergenti pieni di sostanze chimiche, la schiuma erroneamente fa pensare ad una detergenza migliore, ma nella realtà non è così.

Ho riflettuto molto prima di scrivere questa recensione, perchè con questi prodotti mi trovo in conflitto. Leggendo sul web le recensioni di altre colleghe, sento parlare di prodotti favolosi e realmente lo sono, io stessa sto utilizzando con assiduità il Sapone Liquido Viso e Corpo, che deterge la pelle senza paragoni, lasciandola nutrita in profondità, purificata e straordinariamente liscia e lo stesso per la Mousse da Bagno che mi ha aiutata a combattere la secchezza della pelle delle mie gambe, che in estate raggiunge massimi livelli, ma non sono d' accordo con loro quando parlano di profumazioni gradevoli, fruttate, delicate.
Forse avrò un olfatto particolarmente sensibile, ma nei prodotti, specialmente nel Sapone Liquido Viso e Corpo, io avverto principalmente l' odore della materia prima e cioè l' olio di oliva. Anche in famiglia hanno avuto la stessa percezione, tanto che mio figlio di dieci anni non riesce ad utilizzare questi prodotti. L' unica profumazione che non mi disturba è quella data dalla Mousse da Bagno.

Se non siete particolarmente sensibili agli odori, se cercate massima idratazione e prodotti con formulazioni semplici e naturali, l' Antico Saponificio Salentino saprà offrirvi prodotti eccellenti con un buon rapporto qualità/prezzo. Io stessa continuerò ad usare questi prodotti per l' efficacia sulla mia pelle, ma un prodotto naturale dovrebbe garantire o una profumazione inodore oppure una profumazione gradevole che non richiami la materia prima.
Sabina.

martedì 11 luglio 2017

PASTA FREDDA CON SUGHETTO DI POMODORINI, CIPOLLA DI TROPEA E SGOMBRO.





In estate con il caldo, mettersi ai fornelli è poco piacevole. Per questo prediligo piatti che si preparano con pochi passaggi e in poco tempo. Regine del periodo, insalate di riso e pasta, da preparare in abbondanza e riproporre anche il giorno dopo, magari per il pranzo in ufficio.

PASTA FREDDA CON SUGHETTO DI POMODORINI, CIPOLLA DI TROPEA E SGOMBRO.
Ingredienti per 2 porzioni abbondanti:
150 g tortiglioni
1 cipolla di Tropea piccola
80 g sgombro al naturale
8 pomodorini
olio extravergine di oliva
1 spicchio di aglio
sale e pepe q.b.
timo fresco
Preparazione: mettere a bollire l' acqua per la pasta. Nel frattempo in una padella mettere l' olio con lo spicchio di aglio, rosolare dolcemente ed eliminarlo. Unire la cipolla tagliata a rondelle ed i pomodorini tagliati a fettine. Salare e pepare e lasciare cuocere alcuni minuti. Pochi istanti prima di spegnere, unire lo sgombro ben sgocciolato dal liquido di conservazione. Salare l' acqua della pasta e cuocere i tortiglioni al dente. Scolarli e trasferirli in padella con il condimento, amalgamando bene. Trasferire in una pirofila, irrorare con un filo di olio e decorare con foglioline di timo. Lasciare in frigorifero fino al momento di servire.




Servire accompagnando con un bel bicchiere di vino Il Famoso del Convento de Il Conventino di Monteciccardo, un vino brillante e con un panorama olfattimo intenso e vasto. Fresco e morbido.
Sabina.

venerdì 7 luglio 2017

ROSTI DI ZUCCHINE AL FORNO, CON FORMAGGIO, SALMONE E MICRO ORTAGGI.





In questo periodo mi piace preparare cibi perfetti da mangiare senza poco impegno, i cosidetti finger food che tanto piacciono a tutti. Mi piace spaziare nella scelta degli ingredienti, mi piace creare nuovi abbinamenti e grazie all' utilizzo dei Micro Ortaggi di Pianta Natura, l' aspetto gourmet è garantito.


ROSTI DI ZUCCHINE AL FORNO, CON FORMAGGIO, SALMONE E MICRO ORTAGGI
Ingredienti per 6 rosti:
2 grosse zucchine
4 cucchiai di formaggio cremoso
150 g salmone affumicato
2 cucchiai di parmigiano reggiano
sale e pepe q.b.
olio extravergine di oliva
origano q.b.
Micro Ortaggi di senape Pianta Natura
Preparazione: lavare, asciugare e spuntare le zucchine. Grattugiarle con una grattugia a fori grossi e metterle in uno scolapasta una decina di minuti, a perdere la loro acqua di vegetazione. Strizzarle bene e trasferirle in una ciotola. Unire il parmigiano, origano a piacere, salare e pepare. Amalgamare bene. Rivestire di carta forno una teglia e aiutandosi con un coppapasta, andare a formare i rosti di zucchine, compattando bene con un cucchiaio. Cuocere in forno caldo a 180° per circa 20 minuti, rigirando a metà cottura. Sfornare e lasciare raffreddare. Nel frattempo lavorare il formaggio cremoso in una ciotola e irrorare con un filo di olio. Tritare grossolanamente il salmone. Tagliare e pulire i micro ortaggi. Andare ora a comporre le nostre tartine: mettere sui rosti di zucchine, una base di formaggio cremoso, il salmone e terminare con i micro ortaggi.




Buon appetito, alla prossima ricetta in partnership con Pianta Natura.
Sabina.

giovedì 6 luglio 2017

REVIEW MASCARA AMPLIFIED BLINC





Oggi parliamo di innovazione e lo faccio con il Mascara Amplified ideato da Blinc, che offre prodotti altamente performanti e resistenti, ideali per le donne che conducono uno stile di vita molto attivo e che, anche nelle giornate più calde vogliono mantenere uno sguardo perfetto.
Cosa c' è di più brutto che vedere il mascara colato?
Con il Mascara Amplified questo non accade, perchè Blinc ci offre un prodotto che resiste a tutto: alle lacrime, alla sudorazione, allo sfregamento, agli ambienti più caldi o piovosi, è adatto anche agli occhi più sensibili, a chi indossa lenti a contatto o ha la pelle grassa.

Partiamo subito sottolineando la stilosità del packaging: il mascara è infatti contenuto in un contenitore con tappo, praticissimo da portare in borsetta. Il mascara promette volume, moltiplicando e allungando le ciglia. Dal sito leggiamo "La particolare formulazione di blinc Mascara Amplified, combinata a polimeri filmanti, crea un film elastico e corposo che ricopre l’intera superficie delle ciglia, dalle radici alle punte, rendendole più lunghe, volumizzate, strutturate e perfettamente pettinate".
E' un mascara che si applica con facilità grazie alla forma dello scovolino, che non crea grumi antiestetici, che allunga e intensifica le ciglia pur tenendole ben separate tra loro.




Le mie ciglia sono di natura corte e poco folte, con il Mascara Amplified riesco ad ottenere un buon risultato senza impiastricciare troppo le ciglia, mantenendo uno sguardo naturale. Il mio sguardo appare intensificato, ma la cosa per me più favolosa è che per rimuovere il mascara non serve nessun struccante, bensì una combinazione di acqua tiepida e leggera pressione delle dita per far scivolare via le piccole guaine che rivestono le nostre ciglia e non abbiate timore che le ciglia non si spezzano!
Insomma, un mascare che ha le stesse prestazioni di un prodotto long lasting ma che per struccarlo non ha bisogno di prodotti specifici. Promosso!

Blinc non offre solo mascara, ma anche lash primer, diversi tipi di eyeliner ed altri articoli visibili sul sito. Per voi mie follower, utilizzando in fase di acquisto il codice promozionale CATTIVIPENSIERI, valido fino al 16/07/217 avrete diritto alle spese di spedizione gratuite.
Sabina


LASAGNE DI PANE BISTOCCU CON SUGO AL POMODORO E BASILICO, MOZZARELLA E GORGONZOLA





Voglia di lasagne, ma troppa poca voglia di mettersi ai fornelli con questo caldo? Aggiriamo il problema e andiamo a creare delle simil lasagne, utilizzando al posto della classica sfoglia di pasta, il pane bistoccu de Il Forno di Montetresta, panificio artigianale sardo. Il pane bistoccu infatti, è un pane tipico della più antica tradizione sarda, realizzato solo con grano coltivato e macinato in Sardegna e con doppia cottura in forno, per mantenerne intatto il gusto.
Un pane che si gusta semplicemente condito con un filo di olio extravergine di oliva, buono, o bagnandolo leggermente come le classiche friselle.

LASAGNE DI PANE BISTOCCU CON SUGO AL POMODORO E BASILICO, MOZZARELLA E GORGONZOLA
Ingredienti per una teglia da 4 porzioni abbondanti:
200 g pane bistoccu integrale Il Forno di Montestra
200 g pomodori a cubetti Pomì Italia
1 piccola cipolla di Tropea
1 mozzarella
80 g gorgonzola dolce Igor Gorgonzola
qualche foglia di basilico
parmigiano reggiano a piacere
olio extravergine di oliva
sale q.b.
Preparazione: in una padella mettere un paio di cucchiai di olio e rosolare dolcemente la cipolla a rondelle. Unire la polpa di pomodoro e cuocere una decina di minuti, facendo restringere il sugo. Spegnere, salare e quando il sugo sarà freddo, unire il basilico a pezzetti. Tagliare la mozzarella a dadini e lasciare sgocciolare una mezzoretta. Tagliare a pezzetti anche il gorgonzola. Bagnare leggermente il pane bistoccu. Cospargere il fondo di una teglia con un paio di cucchiai di sugo, ricoprire con uno strato di pane bistoccu, coprire con il sugo, metà mozzarella a dadini, metà dadini di gorgonzola e una spolverata di parmigiano. Fare un altro strato di pane bistoccu, quindi ricoprire con il sugo rimanente, la mozzarella ed il gorgonzola. Una spolverata di parmigiano ed in forno caldo a 180° per circa 20 minuti. Sfornare e lasciare intiepidire prima di tagliare.




Eventualmente potete sostituire il gorgonzola, anche con il taleggio o con della scamorza. Buon appetito, Sabina.

mercoledì 5 luglio 2017

BASTONCINI DI LONZA AROMATIZZATI BI-GUSTO





Oggi carne, ma da mangiare rigorosamente fredda. Si può quindi preparare tranquillamente con largo anticipo. Avevo delle belle fettine di lonza e così ho realizzato delle polpettine piatte che ho infilato su bastoncini di legno e accompagnato a piacere con Salsa di Soia Kikkoman e Senape di Digione con Miele di Maille, trovate nella Degustabox di giugno.
La salsa di soia Kikkoman a fermentazione naturale, ha il 43% in meno di sale, mentre il gusto agrodolce della senape si abbina perfettamente a formaggi ed insalate.

BASTONCINI DI LONZA AROMATIZZATI BI-GUSTO
Ingredienti per 9/10 bastoncini:
4 fettine di lonza
1 uovo
100 g di mollica di pane
50 g speck
sale e pepe q.b.
zenzero fresco
erba cipollina
foglie di menta
olio extravergine di oliva
Preparazione: tritare la mollica di pane. Tenere da parte. Tritare ora le fettine di lonza. Mettere la carne in una ciotola, unire la mollica di pane, l' uovo sbattuto, il sale ed il pepe a piacere. Amalgamare bene con le mani. Dividere ora l' impasto in due parti. Ad una parte aggiungere l' erba cipollina tritata, nella quantità che si desidera, nell' altra metà aggiungiamo una grattugiata generosa di zenzero e foglioline di menta a pezzettini. Con le mani inumidite, andiamo a prelevare delle piccole quantità di carne e, con l' aiuto di un piccolo coppapasta, andare a formare le piccole polpette piatte dello spessore di un centimetro e mezzo circa. Conservare le polpette in frigorifero per una mezzora, coperte da un foglio di pellicola. Prelevare ora le polpette, ungere lievemente una piastra e scaldarla. Cuocere le polpette pochi minuti per lato. Togliere dal fuoco, fare raffreddare bene ed infilare su stecchini di legno. Servire su un letto di speck.

Per l' impiatto ho usato le stoviglie ecologiche e biodegradabili di Ecobioshopping, nello specifico il vassoio piccolo in foglia di palma.
Buon appetito, Sabina.

lunedì 3 luglio 2017

RISOTTO ALLO ZAFFERANO, CON OKRA E MAZZANCOLLE.





Quando ho ricevuto una splendida cassetta da Aromi & Profumi s.r.l., azienda fondata dai fratelli Limonta, specializza nella lavorazione e confezionamento di erbe aromatiche, sono rimasta estasiata di fronte a tutti quei sacchetti pieni di erbe: aneto, basilico, coriandolo, erba cipollina, finocchetto, menta, maggiorana, mirto, prezzemolo, rosmarino, timo, origano secco, ma anche zenzero, habanero e... okra.

Ok, ammetto la mia ignoranza. Non sapevo di cosa si trattasse, così mi sono un attimino documentata e ho scoperto che è una pianta tipica delle zone tropicali, molto utilizzata nella cucina sudamericana, ma anche libanese, rumena e indiana. L' okra è ricca di vitamine, fonte preziosa di fibre, poco calorica e il suo sapore ricorda quella degli asparagi, ma molto più delicato.

RISOTTO ALLO ZAFFERANO, CON OKRA E MAZZANCOLLE
Ingredienti per 2 persone:
150 g riso Carnaroli Il Buon Riso
10 baccelli okra Aromi & Profumi s.r.l.
3/4 pistilli di zafferano
250 g mazzancolle lessate
brodo vegetale q.b.
mezzo scalogno
mezzo bicchiere di vino bianco
burro
aceto bianco
sale q.b.
1 mazzetto di prezzemolo Aromi & Profumi s.r.l.
Preparazione: mettere i pistilli di zafferano a mollo in un dito di acqua tiepida, per almeno un paio di ore. Tenere in caldo il brodo.Lavare i baccelli di okra e tenerli in ammollo in acqua e aceto per una mezzoretta, per togliere un pò della naturale viscidità dei baccelli. Tagliere il picciolo e tagliare i baccelli a rondelle. In una padella fare sciogliere una noce abbondante di burro e lasciare dorare dolcemente lo scalogno tritato. Unire le rondelle di okra, lasciare rosolare dolcemente un paio di minuti, aggiungere il riso e lasciarlo tostare. Sfumare con il vino ed in seguito portare a cottura, allungando con il brodo caldo quando serve. Pochi minuti prima della cottura, unire lo zafferano con la sua acqua e le mazzancolle lessate. Spegnere, unire il prezzemolo tritato e mantecare con il burro.




Buon appetito, alla prossima ricetta. Sabina.

domenica 2 luglio 2017

REVIEW IXIMA, ROSSETTO EXTREME





Oggi voglio parlarvi di un brand di cosmetici per me nuovo, nuovo, quello di Ixima. Prodotti totalmente Made in Italy, con un ottimo rapporto qualità/prezzo e performance professionali.
I prodotti Ixima, infatti, vengono utilizzati dai migliori make up artist, sono ipo-allergici e non sono testati sugli animali.

Il packaging del rossetto è semplice, ma elegante. Un classico stick color bianco con logo dorato. Il colore è il n.102, un porpora chiaro, a mio giudizio più vicino al fucsia.
Nella descrizione su Amazon leggiamo: "la sua speciale texture, morbida e ultra-delicata, si combina con una intensità cromatica straordinaria; nel ciclo produttivo i pigmenti vengono polverizzati singolarmente per ottimizzare le proprietà coloranti salvaguardando le caratteristiche che donano intensità, brillantezza e una lunga durata. "




La texture è piacevole da stendere sulle labbra, cremosa e omogenea. Basta una sola passata per ottenere un bel colore pieno. Il finish è brillante, il rossetto promette lunga durata e devo riconoscere in lui una buona resistenza. Sopporta abbastanza bene gli stress come bere e mangiare, anche se ovviamente perde un pò di intensità al centro delle labbra. Io lo utilizzo in abbinamento ad una matita contorno labbra della stessa tonalità, per una maggiore resa e per evitare che il rossetto si insinui nelle pieghette delle labbra. Cosa per me fondamentale in un rossetto, non secca le labbra, questo rossetto Ixima è arricchito con olio di jojoba che ne garantisce l' idratazione.




Per struccarlo richiede preferibilmente un prodotto specifico per labbra, dal momento che ci vuole un pochino per eliminare ogni traccia del colore intenso e brillante. Un rossetto che potete acquistare nella vetrina Amazon cliccando QUA.

venerdì 30 giugno 2017

SPINACINE FATTE IN CASA





Oggi realizzeremo insieme le famose spinacine, le cotolette di pollo e spinaci che vendono già confezionate nei supermercati ma che, diciamocelo, hanno sempre quel sapore un pò industriale. Il procedimento è semplicissimo e ci permette di far mangiare la verdura ai bambini in maniera molto più sfiziosa. Io le ho fritte, ma nulla vi vieta di cuocerle in forno per un risultato pù light.

SPINACINE FATTE IN CASA
Ingredienti per 4 persone:
4 fette di petto di pollo
100 g di spinaci lessati
sale q.b.
farina q.b.
pangrattato q.b.
2 uova
olio per friggere
Preparazione: tagliare a pezzetti le fette di pollo e metterle nel mixer, frullare la carne. Tritare con un coltello gli spinaci già lessati in precedenza, riunire in una ciotola la carne di pollo e gli spinaci, salando a piacere. Amalgamare bene il composto aiutandosi con le mani. Formare ora quattro grosse polpette e su un foglio di carta forno, appiattirle dando loro la forma delle classiche spinacine. Passarle ora prima nella farina, poi nelle uova sbattute ed infine nel pangrattato.Lasciarle riposare una mezzoretta in frigo, coperte da un foglio di pellicola. Scaldare ora l' olio, che sia caldo ma non bollente e cuocere le spinacine diversi minuti per parte, fino a doratura. Metterle a scolare su carta assorbente.




Accompagnare con Birra Ichnusa non filtrata. Buon appetito.
Sabina.

mercoledì 28 giugno 2017

FETTUCCINE CON SUGO DI POMODORO A MODO MIO E BATTUTO DI LARDO





Sono del parere che in cucina, la semplicità ripaghi sempre. La mia avventura da food lover mi porta sempre a ricercare nuovi accostamenti di sapori, che quando vado a cucinare piatti semplici mi sorprendo sempre della loro bontà perfetta. Oggi quindi, utilizzando solo ingredienti di qualità, ho preparato un semplice piatto di pasta al sugo, ma con piccole variazioni che lo hanno reso ancora pià gustoso.

Per la pasta ho utilizzato le fettuccine di Pasta di Montagna, una pasta all' uovo che porta in sè la genuinità di un tempo, realizzata con grani duri marchigiani e uova di galline allevate a terra. Una pasta rugosa al punto giusto che trattiene splendidamente il condimento. Il sugo è invece realizzato con la passata di pomodoro a pera varietà saab-cra Abruzzo di Ursini, polposa e dal sapore dolce e vellutato.

FETTUCCINE CON SUGO DI POMODORO A MODO MIO E BATTUTO DI LARDO
Ingredienti per 2 persone:
180 g fettuccine Pasta di Montagna
250 g passata di pomodoro a pera varietà saab-cra Ursini
6 pomodorini datterino
1 fetta di lardo
olio extravergine di oliva
basilico
1 spicchio di aglio
sale q.b.
Preparazione: mettere a bollire l' acqua per la pasta. In una pentola mettere un filo di olio e fare rosolare l' aglio. Eliminarlo e unire la passata, qualche foglia di basilico spezzettata e portare a cottura. Salare alla fine. In un' altra padella, abbastanza capiente da contenere in seguito la pasta, mettere un filo di olio e il lardo tritato finemente. Lasciare rosolare dolcemente e unire i pomodorini tagliati a fettine spesse. Far saltare qualche minuto. Cuocere le fettuccine, salando l' acqua, scolarle al dente e metterle in padella con il battuto di lardo ed i pomodorini. Aggiungere il sugo al pomodoro e amalgamare a fiamma vivace alcuni minuti, affinchè i vari condimenti leghino tra loro. Impiattare e decorare con foglioline di basilico ed un filo di olio a crudo.




Alla prossima ricetta. Buon appetito, Sabina.

lunedì 26 giugno 2017

TORTINE ALLE NOCCIOLE CON CONFETTURA EXTRA DI FICHI.





Nemmeno le alte temperature mi impediscono di accendere il forno, se mi metto in testa di sperimentare qualche ricettina. Per la merenda ho quindi preparato queste tortine morbidissime arricchite da granella di nocciole e poi gustate in abbinamento alla confettura extra di fichi di Number One Tuscany, una confettura profumatissima che oltre per i dolci, può essere degustata anche con morbidi formaggi erborinati, di capra e di pecora.

TORTINE ALLE NOCCIOLE CON CONFETTURA EXTRA DI FICHI
Ingredienti per 6 tortine:
140 g farina
100 g burro
140 g zucchero
2 uova
mezzo cucchiaino di lievito per dolci
120 g granella di nocciole
Confettura extra di Fichi Number One Tuscany q.b.
Preparazione: in una ciotola mescolare il burro ammorbidito con lo zucchero. Aggiungere le uova leggermente sbattute e in seguito la farina setacciata con un mezzo cucchiaino di lievito e la granella di nocciole. Amalgamare bene. Prendere uno stampo da sei tortini o in alternativa da muffin, imburrare ed infarinare e riempire di tre quarti. Infornare in forno caldo a 180° per circa 15 minuti. Sfornare e lasciare raffreddare. Accompagnare con la confettura di fichi.




Per l' impiatto mi sono affidata alle stoviglie ecologiche e biodegradabili di Ecobioshopping, nello specifico ho utilizzato il piatto Dedra tre scomparti in cellulosa.
Buona merenda, Sabina.

sabato 24 giugno 2017

TRAMEZZINI DI PANE INTEGRALE BIO CON SEMI DI LINO, MOUSSE DI ASPARAGI E PROSCIUTTO CROCCANTE





Questi tramezzini sono perfetti per aprire un pranzo o per un finger food informale tra amici. Semplici, semplici, si preparano con pochi passaggi e pochi ingredienti. Ho utilizzato il pane integrale biologico con semi di lino di Pane Pema, un pane biologico con certificazione europea e il marchio di qualità Bioland, la più grande associazione tedesca di produttori biologici.

TRAMEZZINI DI PANE INTEGRALE BIO CON SEMI DI LINO, MOUSSE DI ASPARAGI  E PROSCIUTTO CROCCANTE
Ingredienti per 4 tramezzini:
2 fette di pane integrale biologico con semi di lino Pane Pema
8 asparagi
2 fette di prosciutto crudo
2 cucchiai di panna vegetale
il succo di mezzo limone
sale e pepe bianco q.b.
Preparazione: tagliare le fette di pane a metà. Eliminare la parte dura degli asparagi e cuocerli in acqua bollente salata. Scolarli. Conservare quattro punte di asparagi per decorare. Il resto degli asparagi passarlo al mixer con il succo del limone, il sale ed il pepe. Aggiungere la panna e mescolare bene. Su una piastra ben calda, rosolare il prosciutto fino a quando risulterà croccante. Andare ad assemblare ora le tartine, mettendo una base di mousse di asparagi, qualche pezzetto di prosciutto e la punta degli asparagi.

Buon appetito, Sabina.

venerdì 23 giugno 2017

MINI PANINI CON BURGER DI TROTA SALMONATA AL LIME, POMODORO E MICRO ORTAGGI





Ogni tanto, a casa mia, ci piace gustarci un bel panino. Oggi ho ideato un panino con burger di pesce. La mia scelta è ricaduta sulla trota salmonata, pesce spesso snobbato, ma ricco di proprietà e anche economico. La sua realizzazione è davvero semplice, l' unica accortezza e tenere i burger ad insaporire in frigo almeno una mezzoretta prima di cuocerli, in modo da legare bene il pesce al lime e
all' erba cipollina.

MINI PANINI CON BURGER DI TROTA SALMONATA AL LIME, POMODORO E MICRO ORTAGGI
Ingredienti per 2 mini panini:
2 piccoli panini ai semi di papavero
300 g filetto di trota salmonata
2 fette spesse di pomodoro
maionese light q.b.
olio extravergine di oliva
sale e pepe bianco q.b.
la scorza di un lime
6 steli di erba cipollina
Micro Ortaggi Cavolo Rapa Pianta Natura
Preparazione: togliere la pelle al filetto di trota, avendo cura di eliminare con una pinzetta le spine centrali. Tagliare ora il filetto a pezzetti e tritarlo grossolanamente con un coltello. Mettere il pesce in una ciotola, salare, pepare, mettere un filo di olio, l' erba cipollina tritata e la scorza del lime. Amalgamare bene e lasciare riposare in frigorifero almeno una mezzoretta. Andare ora a formare i burger di pesce aiutandosi con un coppapasta e pressando bene al suo interno. Devo avere uno spessore di circa due cm. Lasciare riposare i burger una decina di minuti. Scaldare ora una piastra, ungendola appena di olio e cuocere i burger di pesce una decina di minuti, avendo cura di rigirare a metà cottura. Pulire i micro ortaggi. Andare ora a comporre i piccoli panini: sulla base mettere la maionese, il burger di pesce raffreddato, la fetta di pomodoro con un pizzico di sale, i micro ortaggi.




Servire con patatine fritte. Buon appetito. Sabina.

mercoledì 21 giugno 2017

SPIEDINI DI MINI HAMBURGER CON PANCETTA, PATATE E POMODORINI.





Oggi ho realizzato un pranzo buffet tra amici. Tra le varie proposte, molto successo hanno avuto questi mini spiedini handmade di piccoli hamburger con pancetta, patate e pomodorini. Il tutto impreziosito dalla Stonewall Kitchen Roasted Apple Grille Sauce, salsa realizzata con mele leggermente grigliate e sciroppo d'acero. Le mele di New England si mescolano con puro sciroppo di acero per un abbinamento divino sulle costine di maiale e su qualsiasi tipo di carne. Buonissima anche in abbinamento ai fagioli lessi saltati in padella.

SPIEDINI DI MINI HAMBURGER CON PANCETTA, PATATE E POMODORINI.
Ingredienti per 8 spiedini:
400 g carne macinata
2 patate medie
8 pomodorini
2 fette di pancetta di maiale
spezie Chicken&Pork Rub Stonewall Kitchen q.b.
mezza cipolla di Tropea
olio extravergine di oliva
Roasted Apple Grille Sauce Stonewall Kitchen a piacere
rucola per decorare
pangrattato q.b.
Preparazione: preparare i mini hamburger. In una terrina mettere la carne macinata, la cipolla tritata fine e le spezie. Amalgamare bene con le mani. Lasciare riposare in frigo una mezzoretta. Pelare le patate, lavarle e asciugarle, tagliare a fette e con un piccolo coppapasta tondo, andare a ricavare dei cerchi. Mettere a lessare le patate pochi minuti in acqua bollente salata. Scolarle bene e terminare la cottura su una piastra ben calda e leggermente unta di olio. Tenere da parte. Tagliare i pomodori a metà. Su una padella antiaderente mettere a rosolare la pancetta, rendendola abbastanza croccante e una volta cotta, ricavare otto pezzetti. Andare ora a formare i mini hamburgher, utilizzando lo stesso coppapasta per ottenere dei cerchi uguali alle patate. Cospargere leggermente i mini hamburger con pangrattato. Su una piastra leggermente unta, cuocere i mini hamburgher pochi minuti per lato. Andare ora a comporre gli spiedini: metà pomodorino, un mini hamburgher, una patata, un pezzo di pancetta, un altro mini hamburger, patata e terminare con il pomodorino. Finire così di comporre gli altri spiedini. Servire in piattini o barchette di bambù, su di un letto di rucola e cospargere con la deliziosa Roasted Apple Grille Sauce.




Buon appetito, Sabina.

martedì 20 giugno 2017

FIDELIN DEL MORO CON GRANO SARACENO, PESTO DI ASPARAGI, PINOLI E TIMO.





Come rimanere insensibili davanti ad un bel piatto di pasta? Io proprio non resisto, ma oggi porto a tavola tanto benessere grazie al contributo di Pasta Moro con i suoi Fidelin del Moro con grano saraceno, prodotti secondo le antiche tradizioni locali e fatti con semola di grano duro e la migliore farina di grano saraceno. Una pasta che contiene meno carboidrati e più fibre rispetto alla normale pasta di grano duro. Quindi un minor apporto calorico, utile per mantenere sotto controllo il peso e perfetta se consumiamo poche energie conducendo una vita sedentaria. 
E per salare il piatto, mi affido come sempre ad Aquasalis con il 75% di sodio in meno.

FIDELIN DEL MORO CON GRANO SARACENO, PESTO DI ASPARAGI, PINOLI E TIMO
Ingredienti per 2 persone:
160 g Fidelin del Moro Pasta Moro
1 mazzetto di asparagi
il succo di mezzo limone
15 g pinoli
olio extravergine di oliva
Aquasalis q.b.
qualche rametto di timo fresco
pepe bianco q.b.
Preparazione: tagliare la parte dura dei gambi degli asparagi. Un ottimo modo per sapere esattamente dove tagliare, è spezzarlo con le mani, il gambo si romperà esattamente nel punto giusto. Lessare per qualche minuto gli asparagi in acqua bollente, tenendo le punte fuori dall' acqua. Scolarli e lasciarli intiepidire. Nel frattempo tostate i pinoli. Tagliare gli asparagi a pezzi conservando delle punte per  impiattare e mettere quindi gli asparagi rimanenti nel mixer, unendo il succo del limone, metà dei pinoli tostati e un giro di olio. Frullare fino ad ottenere un pesto fluido. Unire quindi una spruzzata di Aquasalis e una macinata di pepe. Se occorre, allungare con altro olio. Mettere ora a cuocere i Fidelin del Moro in abbondante acqua leggermente salata, scolarli al dente conservando qualche cucchiaio di acqua di cottura e trasferire la pasta in una terrina. Unire ora il pesto, amalgamando e unendo dell' acqua di cottura se richiesto. Andare ad impiattare, guarnendo con i pinoli rimasti, le punte degli asparagi e con foglioline di timo.



 Una delizia, tra l' altro molto fresca e perfetta per queste giornate di caldo. Buon appetito.
Sabina.

lunedì 19 giugno 2017

LA MIA ESPERIENZA CON LAMAZUNA, LA COSMESI ECOSOSTENIBILE.





Innamorarsi di Lamazuna è stato semplice. Apri il pacco e vieni subito rapita dalle confezioni colorate... Lamazuna è un brand francese che offre solo prodotti ecosostenibili, perlopiù cosmetici solidi, perfetti per essere portati in viaggio con il minimo ingombro.

Le confezioni sono minimal, nessun utilizzo di plastica; la produzione è rispettosa dell' ambiente e dell' uomo, la loro filosofia aziendale oltre ad avere rispetto per l' ambiente garantisce anche condizioni eque per i suoi dipendenti e fornitori. I prodotti Lamazuna sono certificati PETA, non testati sugli animali, vegan, biologici, sostenibili e di altissima qualità.

I prodotti solidi proposti sono diversi: dentifrici, shampoo, deodoranti, burro cacao, ma anche salviette struccanti, spugna di konjac, pulisci orecchie, spazzolini da denti e coppette mestruali.




Utilizzo da tempo la spugna di konjac, una spugna totalmente naturale, in grado di esfoliare delicatamente la pelle senza aggredirla, migliorando nel tempo la luminosità e la grana della pelle. E' morbida e porosa, naturalmente alcalina, aiuta a migliorare l' acidità della pelle e stimola la microcircolazione. Va passata con movimenti circolari. In Corea la spugna di konjac viene utilizzata tranquillamente anche per i bebè, essendo morbidissima e può essere utilizzata in abbinamento a saponi delicati e lozioni. Va sottolineato che nella confezione la spugna di konjac è secca e dura, basteranno pochi secondi in acqua tiepida per reidratarla e renderla pronta all' uso. Il suo tempo di durata gira intorno ai tre mesi circa.




L' Oriculì è la versione cruelty free e vegan del classico cotton fioc di cui spesso tanto si abusa. Il bastoncino di bambou proviene dal Giappone e dalla Cina, viene utilizzato infatti dalla popolazione per la pulizia delle orecchie. Ecologico ai massimi livelli, aiuta a prevenire i tappi di cerume, riduce gli sprechi ed è riutilizzabile a vita. Non deve essere manipolato dai bambini, in quanto va usato con attenzione. Con la sua palettina all' estremità del bastoncino, infatti, si andrà ad esportare il cerume presente all' entrata dell' orecchio. Ricordiamoci che è errato andare in profondità, in quanto il cerume serve a proteggere il timpano e quindi va rimossa solo la parte antiestetica e visibile. Il suo utilizzo è forse meno confortevole del morbido cotton fioc, ma con il nostro Oriculì andremo ad evitare gli sprechi.




Una vera scoperta, per me, i dentifrici solidi! Infilati su un bastoncino compostabile di legno, i dentifrici sono durevoli ed ecologici ai massimi livelli, un solo dentifricio rende come due tubetti di dentifricio tradizionale. Contengono solo carbonato di calcio e caolino per denti puliti ed oli essenziali. Proprio per la presenza di oli essenziali, non sono consigliati a donne in stato di gravidanza e bambini sotto i tre anni. Disponibili in tre gusti: menta piperita, cannella, salvia e limone. Il loro utilizzo è semplicissimo: tenere il dentifricio dal bastoncino, bagnare lo spazzolino da denti e strofinarlo sulla parte solida. Va sottolineato che l' esperienza è totalmente diversa da quella a cui siamo abituati: il dentifricio solido non produce quasi schiuma, è un modo diverso di lavarsi i denti, ma altrettanto efficace e naturale.

Ringrazio Lamazuna per il gentile omaggio. Sabina.